UN ANNO DI CINEMA

E’ stato un anno intenso per il cinema nella nostra biblioteca.

Dall’inizio di ottobre la collaborazione con il Gruppo Super 35 ha portato alla realizzazione di un corso sul cinema di genere italiano condotto da Emilio Corbari, che ha piacevolmente guidato il pubblico, interessato e partecipe, alla scoperta del peplum, degli spaghetti western e del poliziesco all’italiana.

Visto il gradimento dell’iniziativa, tra gennaio e febbraio Emilio ha replicato con la storia dei generi cinematografici, corso seguito da un nutrito numero di persone amanti della Settima Arte, questa volta impegnati a scoprire nel particolare il cinema di fantascienza, l’horror, il noir, il western, e infine l’era postmoderna.

Grazie alla “licenza ombrello” sottoscritta con la MPLC la biblioteca di Cernusco ha anche iniziato ad offrire proiezioni gratuite: durante le vacanze di natale due film per bambini hanno avuto un ottimo successo, mentre in occasione della Giornata della Memoria i nostri utenti hanno potuto visionare “Il figlio di Saul”, pellicola vincitrice del Premio Oscar come Miglior Film Straniero 2016.

A partire dal mese di marzo, inoltre, sono state prodotte rassegne cinematografiche a tema. Il martedì pomeriggio in sala conferenze abbiamo proiettato film riguardanti donne e lavoro, giornalismo contemporaneo e ora, nel mese di giugno stiamo proseguendo con pellicole che esplorano il mondo dei giovani decisi a prendere in mano le redini della propria vita.

Un’altra novità per la nostra biblioteca ha visto alcune classi delle scuole medie partecipare ad incontri di linguaggio audiovisivo, pensati e creati appositamente per i ragazzi, molto apprezzati sia dagli insegnanti che dagli stessi alunni. Movimenti della macchina da presa, colore, suono, montaggio, ritmo: l’entusiasmo e l’interesse per gli argomenti trattati ci hanno convinti di aver percorso la strada giusta per stimolare nuove passioni creative nei ragazzi, da non lasciar cadere nei prossimi anni, ma anzi da ampliare. Gli incontri sono stati realizzati grazie alla collaborazione di Rino Cacciola, già regista del bel film-documentario “Una biblioteca a Cernusco” proiettato in occasione del 50° compleanno della biblioteca.

intrigointernazionale2 - CopiaE infine, sempre attesissimo e richiesto, è terminato da poco il corso di linguaggio cinematografico a cura del critico Carlo G. Cesaretti, che per il quattordicesimo anno consecutivo ha coinvolto, appassionato (e divertito spesso…!) in maniera intelligente e profonda quanti hanno avuto il piacere di ascoltarlo. Appuntamento con il cinema: l’arte della messa in scena cinematografica in sei memorabili sequenze” è il titolo dell’ultimo corso tenuto presso la nostra biblioteca, seguito da un pubblico numeroso, attento e partecipe che evidentemente ha compreso il fine ultimo di questi corsi, ovvero, lasciando la parola a Carlo Cesaretti, “disvelare in pieno le potenzialità [di spettatore] fin qui inespresse ponendosi in un ruolo ancora più importante di quello ricoperto in questi secoli dagli stessi Artisti. Non cercando ingenuamente di imitarli […] ma rivendicando con orgoglio il proprio essere soltanto, appunto, spettatori profondi, capaci di stili di visione talmente creativi e penetranti da cambiare il mondo con uno sguardo.” E scusate se è poco…!

L’appuntamento ve lo diamo anche noi, a settembre con le prossime iniziative. Se volete rimanere sempre aggiornati iscrivetevi a questo blog oppure (solo per quanto riguarda le iniziative di carattere cinematografico) scrivete a biblioteca@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it chiedendo di essere inseriti nella mailing list.

Buona estate a tutti!!!

La semina

Anche quest’anno è finita, la scuola s’intende. e con essa le attività che, come tutti gli anni, organizziamo per far conoscere la biblioteca, i suoi spazi , le possibilità che offre. Attività che fanno parte della proposta dell’Amministrazione comunale per il Diritto allo studio, proposte non solo agli studenti della scuola dell’obbligo ma anche  ai bambini dei nidi e della scuola materna, organizzate per la quasi interezza dallo staff della sala ragazzi Magolib(e)ro e con l’aiuto delle volontarie del progetto Bibliofly, che ringraziamo con un ideale abbraccio.

Visite guidate, letture a voce alta, laboratori sulla filiera del libro, scelta di testi, produzione di booktrailer, incontri sul linguaggio dei film, il progetto ‘Nati per Leggere’, il tutto per conquistare e coltivare lettori e fruitori d’immagini liberi e consapevoli.

Chi parla di biblioteca spesso non conosce, anche per colpa nostra, il lavoro professionale di ideazione, organizzazione e conduzione che c’è dietro questi incontri. Non coglie la complessità delle proposte della biblioteca, che accoglie i giovani cittadini, che tornano insieme alle famiglie, li fidelizza e li accompagna negli anni verso le altre sezioni della biblioteca, per un rapporto sempre diverso ma duraturo. Aspettando che a loro volta un domani accompagnino i loro figli in biblioteca, come fanno molte famiglie oggi.

Questo è possibile grazie alla nostra sede, al nostro staff e alle energie presenti in chi ci offre la sua collaborazione. Un grazie anche ai Dirigenti scolastici, ai/alle docenti e alle famiglie tutte.

E ora per finire, diamo pure un po’ di dati:

da settembre 2016 a maggio 2017, sono stati organizzati 161 incontri per le scuole e per i più piccoli con circa 3200 partecipanti.

Non è poco.

15060210_10211265309207411_506197564_o

un martedì qualunque, in biblioteca…

Fuori un bel sole caldo, finalmente. Dentro, come sempre i giovani a studiare e i grandi a leggere il giornale. Qualcuno va sui computer.  Due volontarie del progetto Bibliofly riordinano i libri tornati il giorno prima. Il camioncino del giro interbibliotecario scarica qualche decina di documenti richiesti dagli utenti, che arrivano dalle altre biblioteche e porta a loro i nostri. I colleghi in ufficio rispondono alle domande di reference on line del servizio ‘Chiedilo a noi’, e poi:

  • una classe elementare ascolta una fiaba letta dalla bibliotecaria e poi visitano tutta la biblioteca. Un modo per coltivare nuovi cittadini lettori.
  • una classe delle medie in sala conferenze segue un incontro di introduzione al linguaggio delle immagini, del cinema, per imparare a guardare e, nel caso, criticare, la selva di immagini che li colpiscono ogni giorno.  Un modo per coltivare cittadini consapevoli.
  • nella sala riunioni, una banca finanziaria ha affittato lo spazio per riunire i suoi professionisti.

Il tutto aspettando il pomeriggio con le donne e gli uomini che hanno fomato un gruppo di ascolto musicale e una riunione di operatori del sociale. e alla sera, per non farci mancare nulla, un incontro elettorale.

Insomma, una normale giornata della nostra biblioteca. Qualcuno pensa e dice che una biblioteca sia solo un costo. Forse ogni tanto è il caso, con umiltà, di ricordare come possa essere un valore aggiunto della nostra comunità, culturale, sociale e umano. Un investimento per far crescere il territorio e i suoi cittadini.

fotobiblio1.jpg_921338310