“Il ragazzo geniale che scoprì Svevo.” Pensieri su Bobi Bazlen.

Condividiamo con voi le considerazioni, sempre interessanti, che il prof. Gennaro rega pubblica sulla rivista on line ‘La ricerca’, edito da Loescher Editore. Questa voltariguardano lo scrittore e intellettuale triestino Bobi Bazlen. un invito a conoscere la sua figura, commentando la biografia scritta da Cristina Battocletti.

Ritratto dell’intellettuale da giovane, per i giovani

bobi-bazlen

 

Annunci

Diamo i numeri. Le statistiche 2017

I numeri non sono tutto, talvolta diventano un ossessione, nascondendo verità o facendo medie ingiuste. Ma è pure vero che, leggendoli laicamente, come una dei tanti modi di descrivere una realtà complessa, possono essere interessanti.

Il capitale umano innerva e popola le giornate della nostra biblioteca, libri, immagini e suoni sono i pensieri di quest’organismo. Proviamo a pensare alle statistiche del nostro Servizio come degli esami clinici, un ‘check up’ annuale per controllare lo stato delle cose, prevenire guai e progettare il futuro.

Vi presentiamo dunque i dati statistici della Biblioteca del 2017. Dateci unocchio.

Lo facciamo per trasparenza e con un pochetto d’orgoglio. Se avete da chiedere lumi, chiedete.

fotobiblio1.jpg_921338310

Su Milano

Che Milano in questi anni si sia rimessa a camminar veloce non è più una speranza o un mistero. E’ quello che vive ogni giorno chi vi abita, chi vi arriva per lavorare, chi la visita o se la gode nei week end. Questo non poteva che riflettersi  anche nella letteratura. Negli ultimi anni parecchi libri riflettono sulla città, andando a ripensare il suo recente passato, così diverso dall’oggi. E a descrivere l’oggi, così lontano dalla MIlano dei decenni dopo la guerra e da quella ‘da bere’ (vent’anni di tristezza alcolica). Nessun giudizio di merito, ogni tempo è figlio di quello trascorso ma per crescere deve liberarsene, ripensandolo.

E tutti hanno come filo conduttore, e non poteva essere altrimenti, il tema del lavoro. Dalla condizione operaia e la sua cultura alla generazione ‘creativa’ e precaria.    Com’è cambiato il lavoro in questi decenni così è cambiata Milano.

Questo ha fatto Alberto Rollo, con il suo ‘Un’Educazione milanese’, entrato tra i cinque finalisti dello Strega di quest’anno. Questo fa Ivan Carozzi col suo ‘Teneri violenti’. Solo due tra tanti.

Non ultimo Giuseppe Lupo con il suo ‘Gli anni del nostro incanto’, edito da Marsilio, di cui vi offriamo una recensione che il nostro Professor Gennaro Rega ha scritto sulla rivista on line dell’editore Loescher ‘La Ricerca’

Noi come sempre lo ringraziamo.

Lupo_incanti

Manuela e Marco

Adesso son proprio due… dopo che Marco B. ci ha lasciato a fine ottobre per andare a lavorare nelle biblioteche rionali di Milano , ora è Manuela P. a raggiungere la meritata pensione… due colonne dello staff  hanno lasciato la nostra biblioteca.

Sono anni e anni di colleganza e collaborazione che vanno a interrompersi, palate di esperienza e professionalità (per fare una biblioteca che risponda ai bisogni dei cittadini necessitano esperienza, professionalità e pure motivazione profonda, non credete alla favola che bastano i volontari o dei precari…).

Per far funzionare un servizio ci hanno insegnato che necessitano risorse strumentali, tipo una bella sede, risorse economiche , ossia un po’ di soldi, e risorse umane.

Preferisco parlare di ricchezze umane… forse non tutti così, ma quelli che lo sono aiutano tutti ad arrivare a fare belle cose e farlo a lungo.

Marco, sempre sul pezzo e anche un po’ più avanti, e Manuela  la quale per il numero di anni d’esperienza bibliotecaria, la saggezza dell’età e le sue doti di carattere ci ha donato oltre che la sua professionalità anche una solidità, una visione generale, un equilibrio e molte risate.

Tutto il nostro, e credo anche il vostro, grazie ai due colleghi e i migliori auguri per il loro futuro.

Per il nostro staff, che speriamo sia presto rabboccato, si apre una nuova storia. Come tutte le nuove storie ci saranno incognite, ma anche possibilità. Le ‘ricchezze umane’ non ci mancano. Ci vorrà del tempo per migliorare, dare spazio, coraggio e equilibrio alle professionalità che ci sono e che arriveranno, ma è nostra intenzione continuare a fornire il miglior servizio possibile a tutti i cittadini, di ogni età, genere, appartenenza, ecc. ecc. .

Cinquantesimo (31)