Tutta la verità, nient’altro che la verità…?

E’ ancora possibile il giornalismo d’inchiesta nell’era di Internet? Lo scopriremo attraverso la proiezione di due film che hanno suscitato un importante dibattito alla loro uscita nelle sale cinematografiche.

Prima proiezione: MARTEDI’ 4 APRILE ORE 16.30, sala conferenze “Roberto Camerani”, Biblioteca Civica. Ingresso libero.

Un film di Thomas McCarthy, con Michael Keaton, Rachel McAdams, Mark Ruffalo, Stanley Tucci. Prod. Usa, 2015. Durata: 128′
Basato su fatti realmente accaduti nel 2001 è la storia del team di reporter del “Boston Globe”, noti con il nome di “Spotlight”, che ha portato alla luce un’inquietante verità: la complicità della Chiesa locale negli abusi sui minori. Da questa inchiesta è nato un caso di portata mondiale.

 “Ci sono storie che hanno solo bisogno di qualcuno che le racconti. Senza giri di parole, senza orpelli. E fatti che vanno rivelati senza altro fine se non quello derivante da un’intima e insopprimibile necessità morale. E’ il perimetro deontologico del miglior giornalismo investigativo. […]
Riguarda proprio la verità al servizio dell’etica (non il contrario!). Gli autori dell’inchiesta da Pulitzer che svelò i numerosi casi di pedofilia nella chiesa locale e la ragnatela di complicità morali dentro e fuori il Vaticano, non cercano gloria per sé stessi, […] ma vogliono solo vederci chiaro e far vedere, capire e far capire. Perché i crimini, una volta spogliati del velo dell’ignoranza, possano cessare. E il male affrontato.
Il film resoconta senza fronzoli i vari passi dell’inchiesta, scartocciando tra vecchi faldoni, documenti secretati, confessioni a mezza bocca e omertosi sorrisi, senza tralasciare né romanzare nulla. Ci ricorda che questo mestiere ha ancora padri nobili e principi non negoziabili, non sostituibili con la fasulla pervasività di internet.
Come un puzzle, il film mette insieme i vari tasselli con un rigore e una chiarezza esemplari, che conquistano e tengono incollati alla poltrona per più di due ore. Alimentando il racconto non con la suspense ma mantenendolo ancorato a un basso continuo emotivo perfettamente racchiuso in un giro di piano. Perché, a differenza di uno shock, la verità è senza picchi ma dura infinitamente di più. Non abbassate la guardia.” (Gianluca Arnone, cinematografo.it)
 
In biblioteca potete trovare il volantino completo con tutte le informazioni. Oppure potete scrivere a biblioteca@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it o telefonare allo 029278300 per conoscere i titoli dei film proposti.
Seconda proiezione: Martedì 11 aprile ore 16.30
cineteca
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...